giovedì, Dicembre 28

Bonus 3mila euro per i lavoratori autonomi: a chi spetta e quali sono i requisiti

Il Governo ha stanziato 298 milioni per fornire un bonus da 3mila euro per i lavoratori autonomi: tutto quello che c’è da sapere sulla misura una tantum

Soprattutto nel difficile periodo della pandemia da Covid-19, bonus e incentivi sono stati uno strumento che hanno aiutato non poco i cittadini italiani. Hanno coinvolto sostanzialmente tutte le categorie. Con il ritorno alla normalità, questo tipo di misure sta quasi del tutto scomparendo. Anche se è in atto ancora un bonus di circa 3mila euro destinato ai lavoratori autonomi.

Soldi
Bonus da 3mila euro per i lavoratori autonomi foto: Ansa – ilovetrading

La crisi economica dovuta al Covid e alla guerra in Ucraina, ha costretto il Governo a mettere in atto vari bonus e incentivi. L’OMS ha dichiarato che la pandemia Covid non è più un’emergenza sanitaria a livello globale. La comunicazione è avvenuta nel corso di una conferenza stampa agli inizi di maggio. Il Governo, adesso ha teso una mano ad un’altra categoria di lavoratori che ha risentito dell’emergenza in Emilia Romagna.

Con un decreto apposito il Governo presieduto da Giorgia Meloni,  ha finanziato l’elargizione di ben 3mila euro per i lavoratori autonomi. Si tratta, in tutto di 298 milioni di euro che serviranno per finanziare questa misura d’aiuto. Analizziamo chi può ottenerlo e come fare.

Bonus da 3mila euro per i lavoratori autonomi

È tutto finanziato con il Decreto Alluvione e si tratta di un contributo una tantum ai collaboratori e autonomi con Partita Iva colpiti dall’emergenza maltempo che, negli scorsi giorni, ha investito veementemente e drammaticamente alcune regioni, tra cui, soprattutto l’Emilia Romagna.

Bonus alluvione
Bonus per chi è stato colpito dall’alluvione in Emilia Romagna foto: Ansa – ilovetrading

Dopo la terribile ondata di maltempo che ha scatenato l’alluvione in Emilia Romagna, causando anche diverse vittime, il Governo ha immediatamente dichiarato lo stato d’emergenza. E, parallelamente, istituito questo fondo che sarà dedicato alle persone che hanno visto interrompersi il proprio lavoro a causa dell’evento catastrofico.

Il bonus di 3mila euro è destinato a collaboratori coordinati e continuativi, titolari di rapporti di agenzia e di rappresentanza commerciale e autonomi, anche se titolari di attività di impresa, e professionisti. Non vi sono ancora dettagli certi sui requisiti definitivi, ma, secondo quanto trapela, per ottenere il bonus si dovrà essere iscritti a qualsiasi forma di previdenza obbligatoria, con lo svolgimento della propri attività sia in via esclusiva (o, comunque, prevalente). E, ovviamente, dimostrare che la sospensione dell’attività sia legata all’alluvione. Non dovrebbe esserci, invece, alcun paletto legato al reddito.

Per comunicazioni certe, comunque, sarà necessario attendere il testo definitivo del Decreto Alluvione, che dovrebbe essere disponibile a breve.