venerdì, Dicembre 29

Assegno unico aumenta tra 50 e 200 euro con aggiornamento giugno

Cresce finalmente la misura per le famiglie. L’Assegno Unico aumenta tra 50 e 200 euro con aggiornamento di giugno

Buone notizie per le famiglie italiane che si trovano ad affrontare i crescenti costi dovuti all’inflazione e alle spese legate ai propri figli.

Aumenta Assegno Unico
Finalmente arriva l’Assegno Unico (Credits foto: Ansa) – ilovetrading.it

Finalmente ci sarà, infatti, un importante aumento dell’Assegno Unico. A partire dall’aggiornamento di giugno, l’importo dell’Assegno Unico aumenterà tra 50 e 200 euro, fornendo un sollievo economico per molte famiglie. Questa notizia è stata accolta con grande entusiasmo da coloro che si trovano a gestire bilanci familiari sempre più impegnativi. Nel resto dell’articolo, infatti, forniremo maggiori dettagli su come questa misura beneficerà le famiglie italiane e quali sono i requisiti per accedere all’incremento dell’Assegno Unico.

Aumenta l’Assegno Unico

L’Assegno Unico per i figli nel 2023 spetta a tutte le coppie con figli, comprese le coppie conviventi, indipendentemente dal fatto che siano conviventi di fatto o abbiano formalizzato la loro convivenza. È necessario che il figlio sia parte dello stato famiglia, convivente con i genitori e a carico degli stessi, con un’età inferiore ai 21 anni. La domanda per ottenere l’Assegno Unico può essere presentata da uno dei genitori che esercitano la responsabilità genitoriale o da un tutore del figlio.

Aumenta Assegno Unico
Ecco di quanto sarà l’aumento dell’Assegno Unico – ilovetrading.it

Grazie ad un’importante rivalutazione dell’8,1%, l’importo dell’Assegno Unico per i figli ha visto un interessante aumento. La crescita varia a seconda della fascia di reddito ISEE di appartenenza. Oltre all’importo dell’Assegno Unico, sono state aumentate anche le maggiorazioni previste per legge.

Ad esempio, la maggiorazione per genitori entrambi lavoratori è passata da 30 euro a circa 34 euro, mentre le maggiorazioni per i figli disabili variano in base al grado di invalidità. Questa rivalutazione si applica a tutti i beneficiari dell’Assegno Unico, portando l’importo minimo da 50 euro a 54,1 euro e l’importo massimo da 175 euro a 189,2 euro.

Gli importi dell’Assegno Unico sono aumentati da 50 a oltre 200 euro. Coloro che hanno rinnovato l’Isee entro gennaio 2023, come richiesto dalla legge ogni anno, hanno già ricevuto gli aumenti a partire da febbraio o marzo scorsi.

Chi non ha rinnovato l’Isee entro il 28 febbraio o non lo ha ancora fatto e lo presenta in questi mesi, riceverà gli aumenti a partire dal prossimo mese di giugno. Chi decide di presentare l’Isee dopo il 30 giugno, riceverà un aumento retroattivo dell’assegno rispetto al mese di presentazione dell’Isee.